News Ambiente – Con Decreto Direttoriale del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica è stata adottata la “Tabella scadenze RENTRI”

Occorre, in premessa, sottolineare come molteplici disposizioni del D.M. 59/2023 – recante la disciplina inerente al sistema di tracciabilità dei rifiuti e al relativo registro elettronico – prevedano precise tempistiche per la decorrenza dell’obbligo di iscrizione al Rentri nonché per l’adozione e la tenuta del nuovo registro di carico e scarico e del nuovo formulario di identificazione dei rifiuti – entrambi in formato digitale.

Il Ministero, pertanto, ha ritenuto opportuno «fornire indicazioni puntuali ed omogenee per il rispetto, da parte dei soggetti interessati, delle tempestiche di iscrizione al RENTRI e delle altre scadenze previste dal citato regolamento anche con riferimento ai processi di digitalizzazione previsti». E’ stato così adottato il Decreto Direttoriale n. 97 del 22 Settembre 2023, a mezzo del quale, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica – Direzione Generale Economia circolare ha espressamente previsto:

  • Con riguardo alle tempistiche di iscrizione al RENTRI, di cui all’art. 13 comma 1° D.lgs. 152/2006:
  • l’obbligo decorre dal 15 dicembre 2024 ed entro il 13 febbraio 2025 per enti o imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi con più di cinquanta dipendenti, e per tutti gli altri soggetti diversi dai produttori iniziali, ivi inclusi i soggetti di cui all’articolo 18 (associazioni imprenditoriali rappresentative sul piano nazionale o società di servizi di diretta emanazione delle stesse, ovvero il gestore del servizio di raccolta o del circuito organizzato di raccolta, delegate dai produttori iniziali di rifiuti);
  • l’obbligo decorre dal 15 giugno 2025 ed entro il 14 agosto 2025 per enti o imprese produttori di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi con più di dieci dipendenti;
  • l’obbligo decorre dal 15 dicembre 2025 ed entro il 13 febbraio 2026 per tutti i restanti produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi obbligati ai sensi dell’articolo 12, comma 1 (a) gli enti e le imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti; b) i produttori di rifiuti pericolosi, fatto salvo quanto previsto dal comma 3 dell’articolo 9; c) gli enti e le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale o che operano in qualità di commercianti ed intermediari di rifiuti pericolosi; d) i Consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti; e) i soggetti di cui all’articolo 189, comma 3, del decreto legislativo n. 152 del 2006, con riferimento ai rifiuti non pericolosi);
  • Con riguardo alla data di entrata in vigore del registro di carico e scarico e del formulario identificativo dei rifiuti, in formato digitale: dal 13 febbraio 2025, a prescindere dall’obbligo di iscrizione al RENTRI;
  • Con riguardo alla data di decorrenza dell’obbligo di tenere il registro di carico e scarico in formato digitale:
  • dal 15 febbraio 2025 per i soggetti tenuti ad iscriversi al RENTRI dal 15.01.2024 al 13.02.2025;
  • a far data dalla data di decorrenza dell’obbligo di iscrizione negli altri casi;
  • Con riguardo alla data di decorrenza dell’obbligo di emissione del formulario identificativo dei rifiuti in formato digitale: dal 13 Febbraio 2026.

Decreto Direttoriale del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica – Direzione Generale Economia Circolare n. 97 del 22 Settembre 2023.